Consulenza personale gratuita

080 080 08 81

Lunedì – venerdì: 08:00 – 20:00

Prenotare un appuntamento

Consulenza di esperti per le persone affette da ipoacusia

Quando si acquista un apparecchio acustico ci sono diverse domande che richiedono la risposta di un esperto. Ciò riguarda in particolare la corretta regolazione e il funzionamento del dispositivo, così come la scelta dell’apparecchio acustico adeguato, dal momento che ogni paziente è diverso e richiede specifiche esigenze dal prodotto; ma anche la protezione acustica cautelare fa parte di un’assistenza professionale.

Il primo passo: l’analisi dell’udito

Il test dell’udito rappresenta il primo passo prima dell’acquisto di un apparecchio acustico. Attraverso un test audiometrico professionale, l’audioprotesista rileva in primo luogo se effettivamente è presente un’ipoacusia e quanto questa sia grave; egli riproduce i toni di diverse frequenze e volumi per stabilire con la vostra collaborazione quali siano i punti deboli del vostro udito. Sulla base dei risultati del test vi consiglia quindi nella scelta della forma e delle funzioni del dispositivo.
service

Il secondo passo: l’adattamento personalizzato dell’apparecchio acustico

Un apparecchio acustico adeguato e su misura per le esigenze individuali migliora la qualità della vita e contribuisce al benessere personale. Nell’acquisto di un apparecchio acustico anche l’aspetto economico ha un ruolo fondamentale: perciò è importante un’adeguata consultazione prima dell’acquisto e anche un preascolto con diversi apparecchi acustici.

Le orecchie delle persone si differenziano notevolmente non soltanto nella forma anatomica ma anche nel tipo di perdita dell’udito. Anche le esigenze individuali influiscono nella scelta di un determinato apparecchio acustico. Gli apparecchi acustici moderni sono dotati di una sofisticata tecnologia che corrisponde esattamente e idealmente alle esigenze personali dei non udenti. Perciò, al fine di trovare una soluzione personalizzata, è necessaria la consultazione presso un audiometrista: egli, infatti, si orienta interamente sulle vostre esigenze tenendo conto anche delle vostre possibilità economiche.

Dopo aver scelto un apparecchio acustico, è necessario che possiate provarlo a casa in un ambiente familiare per condividere con il vostro audioprotesista le vostre esperienze personali. In questo caso può essere d’aiuto annotarsi gli aspetti positivi e quelli negativi in modo tale che le modifiche apportate al vostro dispositivo possano essere effettuate nel modo più preciso possibile.

L’assistenza dopo l’acquisto

Certamente una buona assistenza non finisce con l’acquisto di un apparecchio acustico. Sono consigliate visite regolari presso l’audiometrista anche negli anni successivi all’acquisto: egli potrà stabilire se le impostazioni dell’apparecchio rispecchiano ancora le vostre esigenze o se sono necessari dei nuovi adattamenti. L’audiologo dovrebbe considerare e offrirvi anche un’assicurazione per l’apparecchio acustico: nel caso di danneggiamento o furto del suddetto, l’assicurazione vi garantisce un adeguato apparecchio sostitutivo senza nessun costo aggiuntivo. Solitamente trovate le batterie di ricambio anche presso il vostro audiometrista, il quale si occuperà con professionalità di darvi indicazioni su come e quando cambiarle.

Prevenire è meglio che curare – innovativa protezione dell’udito per orecchie sane

Un audioprotesista può aiutarvi non solo sulla scelta di un apparecchio acustico adeguato, bensì, nel caso lo desideriate, può consigliarvi anche sulla protezione dell’udito. Soprattutto se lavorate in un ambiente rumoroso e desiderate tutelare il vostro udito, non dovreste rinunciare a una protezione acustica adatta. Una protezione acustica professionale è ciò di cui avete bisogno. Se siete cacciatori o tiratori sportivi, lasciatevi consigliare sui vantaggi delle cuffie antirumore. Il Pamir è un sistema di protezione ampiamente usato nei casi in cui l’udito venga sottoposto ad un gravoso inquinamento acustico come ad esempio nelle discoteche, nelle fabbriche, nel motociclismo o nei cantieri. Il Pamir è amato anche nelle scuole: soprattutto gli studenti che hanno problemi di concentrazione dovuti al rumore, ottengono spesso progressi nell’apprendimento grazie all’aiuto di cuffie antirumore.

Danni all’udito posso essere arrecati non solo dal rumore, bensì anche dall’aria e dall’acqua che possono contribuire ad una diminuzione delle capacità uditive. Perciò è utile consultare il proprio audioprotesista sulle possibilità di protezione in caso di umidità. Anche repentini cambiamenti di pressione atmosferica possono danneggiare il timpano e rendere necessario un apparecchio acustico.
Un recente studio mostra che una protezione acustica è importante in molte situazioni: in caso di prolungata esposizione dell’orecchio a più di 65 decibel, ad esempio, il rischio di malattie cardiache e vascolari aumenta di circa il 20%. Se le orecchie sono esposte più di 40 ore la settimana a rumori tra gli 85 e i 120 decibel, l’udito viene compromesso. A partire dai 120 decibel si raggiunge la soglia del dolore. Sopra questa soglia anche rumori brevi possono danneggiare seriamente l’udito. In questo caso un consulto personale e l’utilizzo di protezioni uditive professionali possono fornire un ulteriore aiuto.

Se a volte fate fatica a comprendere il vostro interlocutore, se non sentite gli uccelli cinguettare o i grilli frinire, è bene non sottovalutare questi segnali. Un test professionale dell’udito fornisce già un valido aiuto per riscontrare eventuali problemi.

Fissate oggi stesso un appuntamento in un centro specializzato Amplifon per un test professionale gratuito dell’udito.

Prenotare un appuntamento

Consulenza di esperti per le persone affette da ipoacusia
Artikel bewerten