Consulenza personale gratuita

080 080 08 81

Lunedì – venerdì: 08:00 – 20:00

Prenotare un appuntamento

L’ipoacusia in cifre

Infografik über Fakten zum Hörverlust

Volete inserire questa grafica informativa sul vostro sito web?
Copiate semplicemente il codice sottostante:

Trattarla piuttosto che ignorarla: riconoscere e correggere in tempo l’ipoacusia

I problemi dell’udito possono apparire a ogni età. Tuttavia, mentre chi porta occhiali da vista viene completamente accettato, molte persone continuano a criticare gli apparecchi acustici. Per il mantenimento del senso dell’udito è particolarmente importante riconoscere e trattare per tempo un’ipoacusia.

Frequenza della perdita dell’udito in Svizzera

Circa 430.000 persone in Svizzera soffrono di una perdita dell’udito non diagnosticata. Uno su dieci può essere affetto da un lieve tinnito, il che comporta un impatto negativo sulla vita quotidiana del dieci per cento delle persone colpite. Tuttavia, nel complesso, solo 270.000 svizzeri fanno uso di un apparecchio acustico.

La perdita dell’udito è più comune con l’avanzamento dell’età: tra i 45 e i 54 anni ne è colpito circa l’otto per cento della popolazione, mentre nella fascia d’età oltre i 74 anni circa il 36 per cento. Ma anche tra i giovani adulti, circa uno su quaranta ha problemi d’udito.

Inoltre le persone colpite, che nonostante l’ipoacusia non indossano un apparecchio acustico e non hanno mai consultato uno specialista, spesso sono del parere di avere un buon udito. Altre mettono in dubbio l’efficacia di un dispositivo acustico o vi rinunciano per altri motivi.

Non ignorare la perdita dell’udito

L’autodiagnosi non è consigliabile quando si parla di perdita dell’udito. La perdita dell’udito può avvenire gradualmente e procedere così lentamente che le persone colpite quasi non si accorgono che il loro udito si sta abbassando. Spesso il problema viene anche represso: riconoscere di essere affetti da ipoacusia e indossare un apparecchio acustico è per molti una decisione difficile da prendere.

Qui entra in gioco il ruolo fondamentale delle persone che ci stanno accanto. Il tema dovrebbe essere affrontato con tatto e gli interessati dovrebbero essere motivati a consultare un esperto che spieghi loro esattamente le cause del problema acustico. Un buon udito è importante per una buona qualità della vita, infatti una diminuzione dell’udito è limitante nella vita quotidiana e sul lavoro e può mettervi in pericolo di vita quando siete nel traffico.

Conseguenze per la salute in caso di perdita dell’udito

La perdita dell’udito ha spesso ripercussioni negative sulla salute generale dei non udenti: in un sondaggio effettuato su un campione di svizzeri aventi tutte lo stesso problema d’udito, sono molto di più le persone che non portano l’apparecchio acustico (rispetto a quelle che le portano) ad aver ammesso di soffrire di depressione, di stanchezza mentale e fisica così come di una crescente smemoratezza. La perdita dell’udito non è una conseguenza della diminuzione delle prestazioni mentali ma potrebbe diventarne la causa.
Ciò accade perché l’udito non influisce solamente sulle orecchie: nel caso di una perdita dell’udito non curata, regrediscono le connessioni neurali inutilizzate nel centro acustico del cervello, dimenticando così la percezione dei segnali sonori. Quanto prima vengono corretti i problemi di udito con un apparecchio acustico, tanto più efficace sarà l’utilizzo del dispositivo.

Campanelli d’allarme che dovrebbero attirare l’attenzione degli interessati e dei loro familiari

Chi ha il volume della TV costantemente troppo alto, chi ha problemi a seguire un discorso o durante lo stesso deve chiedere più volte di ripetere, chi durante l’ascolto porge l’orecchio in direzione del suono o si sente particolarmente infastidito dai rumori di sottofondo, con molta probabilità ha un problema d’udito.

Anche se si riesce a sentire a un volume sufficiente ma il suono risulta attutito e non chiaro, non dipende sempre da un interlocutore che farfuglia. Le difficoltà di comprensione del parlato sono tipiche di un’ipoacusia ad alta frequenza in cui la percezione delle alte frequenze sonore si deteriora. Questo è spesso l’inizio di un problema progressivo dell’udito; dopo poco tempo possono essere colpite anche le frequenze più basse.

Diagnosi professionale attraverso un test audiometrico con l’esperto

Un test dell’udito online può essere una prima indicazione di un’ipoacusia. Ma non può ritenersi completo dal momento che copre solamente una frazione della diagnosi condotta da un esperto. Un test audiometrico deve essere effettuato da uno specialista esperto e pratico che disponga di attrezzature mediche. Solo così si può stabilire se è presente una perdita dell’udito e trovare un metodo per curarla.

Il test prevede il rilevamento della soglia di udibilità dei toni di diverse frequenze per conduzione aerea e per conduzione ossea. Un audiogramma riconosce e quantifica ulteriori problemi nella comprensione del linguaggio. Così l’esperto può farsi un quadro della tipologia e della gravità dell’ipoacusia.

Alcune possibili diagnosi per la perdita dell’udito possono essere: l’età, il rumore, alcune malattie o sostanze ototossiche (tossiche per l’orecchio interno) così come problemi con la conduzione del suono nell’orecchio medio. La spiegazione comprensibile dei risultati del test e le possibili cause della diminuzione dell’udito fanno parte di un servizio gratuito esattamente come la consulenza indipendente sulle eventuali procedure diagnostiche necessarie e i possibili trattamenti. Uno specialista vi assisterà anche nell’atto pratico della scelta di un apparecchio acustico.

Soluzioni acustiche moderne per la perdita dell’udito – pazienti soddisfatti

Dal cinquantesimo anno di vita, l’udito andrebbe controllato ogni anno. Queste misure precauzionali consentono l’individuazione tempestiva e una soluzione rapida per l’ipoacusia e quindi un mantenimento ottimale dell’udito attraverso un apparecchio acustico.

I dispositivi acustici moderni sono efficienti, individuali e discreti. Non solo sono così piccoli da essere difficilmente notati ma si possono adattare a diverse situazioni di ascolto e offrono un suono piacevole e un elevato comfort. Possiamo quantificare anche la soddisfazione con le soluzioni acustiche personali: l’84% degli utenti svizzeri intervistati, portatori di apparecchi acustici, sono soddisfatti con il loro dispositivo. Più del 90% ha dato il massimo dei voti al proprio audioprotesista.

L’ipoacusia in cifre
Artikel bewerten