Consulenza personale gratuita

080 080 08 81

Lunedì – venerdì: 08:00 – 20:00

Prenotare un appuntamento

Monitoring e In-Ear Monitoring

Per creare armonia e incantare il pubblico, è fondamentale che i musicisti – siano essi su un palco o in uno studio – possano sentire bene ciascuno il proprio strumento. Tuttavia, dall’introduzione dell’amplificazione elettroacustica, cantanti e musicisti hanno sempre più difficoltà a distinguere la propria voce o il proprio strumento dal sound ad alto volume del resto della band. La soluzione a questa problematica è rappresentata dal cosiddetto monitoring, un sistema di cui l’industria musicale odierna non può più fare a meno.

In termini di ingegneria acustica, il monitoring consiste nella gestione consapevole del suono per agevolare musicisti, performer o moderatori su un palco o in uno studio di registrazione. Questo sistema si rivela indispensabile soprattutto negli eventi dal vivo, trattandosi spesso dell’unica possibilità a disposizione di un artista per distinguere il proprio suono dal resto della musica e dai rumori del pubblico. Il monitoring convenzionale utilizza grossi altoparlanti posizionati sul palco e rivolti verso l’artista.

I vantaggi dell’In-Ear Monitoring

Con l’In-Ear Monitoring il suono non viene più diffuso tramite un altoparlante, ma direttamente trasferito all’auricolare. Oggi si ricorre per lo più a sistemi wireless, mentre quelli cablati continuano a essere utilizzati da musicisti che non hanno necessità di spostarsi sul palco (ad es. batteristi o pianisti). Nella variante senza cavo, il segnale in entrata dell’artista viene trasmesso a una console di mixaggio. Il mixaggio generato dal monitor (mono, stereo o modalità mix) viene successivamente inviato a un trasmettitore e quindi – sotto forma di segnale via radio – a un ricevitore tascabile (bodypack), che a sua volta lo inoltra agli auricolari. Un sistema In-Ear Monitoring completo comprende quindi un trasmettitore, un ricevitore bodypack e auricolari in-ear.

Le cuffie plug-in assicurano che l’artista possa sentire la propria voce e il suono degli strumenti in modo chiaro e comprensibile, escludendo il disturbo creato dai rumori sul palco o dal pubblico presente. Gli enormi vantaggi garantiti dall’In-Ear Monitoring rispetto agli altoparlanti hanno contribuito alla diffusione della sua popolarità dalla metà degli anni ʹ2000: tra questi, la possibilità per l’artista di regolare il volume a piacere, l’uniformità di suono su tutto il palco garantita dall’efficace isolamento degli auricolari e l’esclusione degli effetti feedback causati invece dagli altoparlanti. Gli auricolari in-ear permettono inoltre alla regia di inviare istruzioni sul palco senza che il pubblico possa sentire, agevolando così il coordinamento e l’esecuzione della performance, per un’esibizione di qualità superiore. Un altro aspetto positivo consiste nella protezione delle orecchie dai livelli eccessivi di rumore spesso generati con l’utilizzo di altoparlanti. Un’ultima, ovvia considerazione: l’In-Ear Monitoring elimina gli oneri logistici dovuti al trasporto e all’installazione degli altoparlanti, che oltretutto rovinano spesso la scenografia e intralciano i movimenti del performer.

Suono perfetto e protezione dell’udito ottimale in un’unica soluzione

In genere, gli auricolari in-ear sono molto comodi da indossare e garantiscono un ottimo isolamento acustico e un livello qualitativo adeguato. Dalla scelta del filtro integrato dipende la possibilità di schermare svariate frequenze e diversi rumori di sottofondo esterni. Per ottenere il massimo comfort si consiglia l’utilizzo di auricolari in-ear adattati, anziché dei più economici modelli one-fits-all. È sufficiente recarsi presso un audioprotesista che, in base all’impronta del canale uditivo, è in grado di realizzare un otoprotettore su misura, nel quale successivamente inserire la cuffia plug-in. In questo modo si ottiene un auricolare in-ear unico e specifico, perfettamente in linea con le esigenze dell’utilizzatore, non solo dal punto di vista della funzione isolante, ma anche dell’indossabilità. Gli ausili acustici non danno alcun fastidio e assicurano una resa sonora ottimale.

Per la pulizia e la cura delle cuffie esistono prodotti specifici. La funzionalità degli auricolari è garantita da una conservazione al riparo da polvere e sporcizia, così come dalla penetrazione di umidità.

Per una consulenza sugli auricolari in-ear fissate oggi stesso un appuntamento presso il centro specializzato Amplifon a voi più vicino.

L'ipoacusia da rumore è la seconda più comune causa di perdita dell'udito. Una progressiva e continua esposizione ad elevati livelli sonori è provato che nuoce all'udito. Una protezione dell'udito professionale vi protegge da frequenze nocive in tali circostanze. Amplifon offre una vasta gamma di modelli di protezione dell'udito, per ogni situazione e ogni budget.

Fissa subito un appuntamento per una consulenza gratuita sui diversi tipi e modelli di protezione dell'udito e il loro funzionamento. Siamo certi che troverete la giusta protezione per ogni circostanza.

Prenotare un appuntamento

Monitoring e In-Ear Monitoring
Artikel bewerten